BACK

FAQs

PERCHE' IL LAVELLO DELLA CUCINA NON SCARICA CORRETTAMENTE?

La maggior parte dei casi di cattivo deflusso di acqua è determinato da accumulo di sgrassanti, detergenti e oli, soprattutto nelle zone con meno pendenza del tubo di scarico.
La combinazione dei tre elementi tende a formare delle ostruzioni che solo il canaljet riesce a rompere. Il motivo principale è dovuto al fatto che nei comuni sgrassanti è presente calce. In questi casi c'è poco da fare se non limitarsi a smontare i tubi a vista sotto il lavello controllare se all'interno vi siano residui che impedicono il deflusso e contattarci preventivamenete. Sconsigliamo intrugli magici per risolvere il problema. E' comunque buona abitudine rimuovere la maggior parte dei residui alimentari dal lavello prima di scaricare acqua all'interno dei tubi. Si consiglia almeno una volta al mese di riempire il lavello fino all'orlo e scaricare tenedo il rubinetto aperto. Se il tubo è libero l'acqua defluirà rapidamente con il vortice conseguente, se invece tende a travasare nel lavello attiguo, si notano bolle o comunque impiega un tempo ragionevolmente troppo lungo, allora è molto probabile che di li a poco si ostruirà completamente.

COME POSSO VERIFICARE LO STATO DELLO SCARICO DI DOCCIA, LAVABO E BIDET?

Prendete un comune filo elettrico tripolare sfilettatelo e arriciatene i fili di rame. Inserite il cavo all'interno dello scarico per quanto possibile e girate più volte in un senso e nell'altro. Dovreste avere estratto la causa del problema. MAI SVITARE LO SCARICO DEL PIATTO DOCCIA! La vite serve a tenere la guarnizione e impedisce infiltrazioni. Svitandola non risolverete il problema anzi causerete umidità al piano sottostante.

E PER IL WC?

Per quanto riguarda il wc generalmente si possono risolvere i problemi di deflusso usando un comune panno e un manico di scopa oppure con un sturalandino. IMPORTANTE! Durante l'operazione di pressione assicurarsi che il panno copra interamente il buco dello scarico e che quindi riesca ad esercitare la maggiore pressione possibile. Se la causa del problema è situata appena sotto lo scarIco (E NON IN COLONNA) agendo con forza è possibile riuscire a liberare la tubazione in maniera esaustiva. Ciò è possbile se all'interno del tubo non vi sono oggetti solidi, o calcare.

Per condomini:

Accertarsi se il problema sia esclusivo o condominiale, contattando il piano sottostante. Se il problema è esclusivo chiamare un idraulico e far rimuovere e controllare il WC. Se il WC non è ostruito chiamare Falcinelli Group prima di rimontare il WC e far attendere l'idraulico sul posto.

Il problema è condominiale, accertarsi che il pozzetto di recapito sia accedibile (il pozzetto potrebbe trovarsi all'interno di una proprietà privata, con cancello chiuso e cane da guardia), che non vi siano vetture parcheggiate sopra, dopo di che richiedere l'intervento per mezzo dell'Amministratore.

Liberare l'area di intervento e predisporre parcheggio per l'unità in arrivo.

Per unità indipendenti:

Richiedete l'intervento del nostro idraulico di fiducia.

Verifica dove scarica il WC.

Verifica dove scarica il lavello di cucina.

Fai un semplice disegno dei pozzetti ove si innestano più tubazioni, e segnala la loro provenienza.

Cerca di ottenere informazioni su ove sia il tuo SIT o punto di allaccio alla rete pubblica.

Non lasciar crescere rovi, erba, o piante attorno alla fossa settica o ai pozzetti di ispezione

QUANTO SONO IMPORTANTI LE PENDENZE DELLE TUBAZIONI?

E' un elemento imprescindibile. La frequenza di ostruzione delle tubazioni è direttamente correlazionata al rispetto delle quote di entrata.

E' POSSIBILE RISPARMIARE SULLE MANUTENZIONI?

Certo che si! Una manutenzione ben fatta può allungare nettamente i tempi di utilizzo e la funzionalità dell'impianto di scarico.

In caso di malfunzionamenti e occlusioni: cercate di far concentrare l'intervento esclusivamente sulla causa, non fate fare operazioni a caso.
Stipulate contratti di manutenzione programmata: il nostro contratto oltre a dare una copertura di PRONTO INTERVENTO 24Ore, prevede anche una analisi storica della manutenzione, i dati raccolti dopo il primo anno di gestione ci consentiranno di ottimizzare il programma, con un notevole risparmio da parte del cliente mantenendo comunque alta la qualità del servizio e la funzionalità degli impianti.

COME SI REALIZZA UN CORRETTO SISTEMA DI SCARICO?

A partire dal punto di immissione utilizzare la via più breve, per raggiungere la colonna verticale di scarico.
Evitare per quanto possibile l'utilizzo dei piani orizzontali, cioè i solai.
L'acqua di scarico pretrattata può proseguire con minori difficoltà su tratte lunghe con minime pendenze lasciando minimi residui.
Recapitare nella Fossa Settica esclusivamente i derivati da WC. I derivati saponosi (Doccia, Vasca, Bidet, Lavandino) devono essere pretrattati come i saponi e i grassi derivati dagli scarichi delle cucine, inoltre l'immissione di tali sostanze nella fossa settica, inibirebbe il processo di sedimentazione prodotto dai microorganismi che verrebbero in questo modo sterminati dalla alta presenza di sostanze acide.

Nel caso in cui per necessità progettuali un singola tubazione dovesse essere collegata ad un altra, il punto di intersezione dovrà essere reso ispezionabile. In caso contrario il tratto che è stato collegato non sarà manutenibile dall'esterno con metodi tradizionali. Se strettamente necessario realizzare curve a 90° utilizzare due curve a 45°. Inoltre:

  • Evitare di installare tubazioni con sezione inferiore a 50mm.
  • Evitare di installare particolari del tipo Collo D'oca o sifoni in giro per la proprietà.
  • Evitare la realizzazione dei pozzetti in muratura per collegare più tubazioni, in particolare nel tratto a monte della Fossa settica.
  • Non collegare assolutamente scarichi pluviali griglie ecc, al sistema di scarico fognario o viceversa.
  • Evitare di nascondere i pozzetti di ispezione con terra, ghiaia o qualsiasi altro materiale.
  • Ogni elemento dell'impianto di scarico fognario interrato deve essere certificato e collaudato alla tenuta, onde evitare dispersione nel terreno, con conseguente rischio di inquinamento della falda acquifera.
  • Rispettare sempre le indicazioni di posa del produttore di ogni elemento.
  • Non utilizzare corrugati per cavidotti per realizzare collegamenti su impianti di scarico.

CHE COSA E' LA VIDEO ISPEZIONE?

Per Videoispezione si intende l'ispezione visiva dell'interno di una condotta, effettuata per mezzo di speciali telecamere poste alla estremità di cavi semirigidi o installate su di carri e/o trattori filoguidati.

QUANDO E A COSA SERVE UNA VIDEOISPEZIONE?

La videoispezione serve ad evitare costose opere di rifacimento totali degli impianti, capire l'effettiva causa di un fenomeno ci consente di effettuare interventi rapidi, mirati e programmabili. Ci consente inoltre di rilevare l'esatta composizione del vostro impianto rilevando particolari come ad esempio il percorso, la profondità di posa, eventuali punti di allaccio, pozzetti nascosti, e lo stato manutentivo o di efficienza. E' possibile sanare contenziosi, e accertare responsabilità oltre che identificare gli effettivi utilizzatori di una condotta.

QUALI CONDOTTE E' POSSIBILE ISPEZIONARE?

E' possibile ispezionare varie tubazione di scarico le nostre attrezzature possono operare a partire dalla sezione 50mm sino a 1.200mm. A breve inseriremo una nuova telecamera che ci consentirà di
ispezionare anche i 40mm.

CON LA VIDEOISPEZIONE E' POSSIBILE LOCALIZZARE UNA PERDITA?

La videoispezione non è da considerarsi determinante ai fini della localizzazione di una perdita in una condotta di scarico, ma può essere molto utile ad escludere tutta una serie di altri fattori che la potrebbero causare, come ad esempio una rottura evidente, lo sfilamento di una giunzione, l'ostruzione di un tratto ecc.

CHE COSA SI RIESCE A VEDERE?

Si vede praticamente l'intera circonferenza della condotta e non solo....

QUANDO DEVO RICHIEDERE UNA VOSTRA VIDEOISPEZIONE?

Se non sei un esperto, o un tecnico esponici prima il tuo problema, valuteremo insieme l'effettiva necessità.

QUAL E' LA VOSTRA PROPOSTA PER LA GESTIONE CONDOMINI E STRUTTURE RICETTIVE?

La nostra proposta è quella di sottoporre a chi ne fosse interessato un Contratto di manutenzione annuale che viene redatto su di un modello standard, ma personalizzato in base alla richiesta e alla esigenza specifica del Cliente, sia esso un Condominio, Soc. Immobiliare, Albergo, Super Mercato, Ristorante, Campeggio, o comunque un complesso produttivo in genere. Puoi affidarci anche solo la manutenzione di una condotta che abbia necessità di manutenzioni ricorrenti.

A CHI E' RIVOLTO?

Il nostro cliente tipo:

  • Amministratore di condominio.
  • Strutture ricettive in genere Alberghi, Ristoranti, Campeggi, Soc. Immobiliari, Agenzie Immobiliari.
  • Piccoli proprietari di immobili che effettuano la locazione stagionale.
  • Proprietari privati di residenze estive.

QUALI SONO I VANTAGGI DEL CONTRATTO?

  • Scongiurare sinistri e situazioni critiche.
  • Priorità sulle richieste.
  • Pronto Intervento in 24Ore.
  • Ottimizzazione dei Costi.
  • Analisi gratuita dell'intero sistema che sarà redatta alla fine del primo anno di gestione.

EFFETTUATE PRONTO INTERVENTO IN 24 ORE?

Il servizio è riservato solo ai Clienti che hanno sottoscritto con noi un contratto di Manutenzione Programmata.

COME POSSO EFFETTUARE IL PAGAMENTO DELL'INTERVENTO?

Attraverso Bancomat o Carta di credito: Visa - Carta Si - Master Card.
Per Contanti o Assegno presso la nostra sede.